DIETA: TRA BENESSERE E RESTRIZIONE

Restrizione e Benessere della Dieta: cosa vuol dire essere a dieta? Scopriamolo insieme


Quante volte vi sarà capitato di dover rispondere a domande tipo queste "ma perché non mangi quella fetta di torta? Ma sei a dieta? Ma vivi e divertiti!".

Il problema è che, purtroppo, la maggior parte delle persone associa "dieta" a "regime restrittivo", "privazioni" (..senza associare la parolina magica "ipocalorica"). Ma sarà così?

Già nell'antica medicina greca la parola "dieta" veniva ricondotta al complesso delle norme di vita, ovvero all'alimentazione, all'attività fisica e al riposo, atte a mantenere lo stato di salute.

Dunque, un qualcosa di essenziale e non certo da evitare!

Negli anni si sono diffusi molteplici approcci alimentari alla dieta: di sicuro avrete sentito parlare di dieta mediterranea, dieta a zona, dieta vegana, paleo, dieta flessibile, dieta da "bro", ma anche dieta del gruppo sanguigno, dieta religiosa e dieta della banana... già, anche questa.

La "dieta ideale" dovrebbe essere personalizzata ed impostata in base a diversi parametri: l'età, il sesso, il peso/altezza, l'attività quotidiana svolta, il fabbisogno calorico.

Spesso però ciò che viene espresso in un approccio si trova in contrapposizione con l'altro oppure sembra che non ci possa essere una via di comunicazione.

Ci sono poi i "guru" e le mode. Esplode il vegan style e allora tutti diventano vegani..senza aver di base nessuna motivazione etica o salutistica. Esplode il business del biologico e allora tutti devono mangiare bio..senza informarsi su quanto in quel prodotto sia bio. Esplode la moda dell'integrale e allora tutti acquistano solo prodotti integrali...senza magari sapere che quella farina integrale non lo è in quanto viene aggiunta poi la crusca.

Tutto questo dovrebbe farci riflettere e tornare al cuore di tutto. Se si pensa alla dieta come ad un regime restrittivo come fai a star bene? La dieta deve essere sostenibile nel breve ma anche nel lungo periodo.

Essere a "dieta" non vuol dire semplicemente mangiare ma implica il benessere, star bene con se stessi e di conseguenza con gli altri.

Se ci si arriva attraverso una dieta mediterranea o attraverso una dieta vegana, dov'è il problema? Se utilizzi un approccio flessibile o da "bro" dov'è il problema? Ognuno ha il suo percorso, le sue problematiche, le sue preferenze ed i suoi obbiettivi.

Non riuscirò mai a concepire chi si erge a tuttologo della situazione e si permette di giudicare le scelte altrui (..ovviamente non sto parlando di giudizi atti a far aprire gli occhi su un qualcosa che non va!).

Il 2017 per me è cominciato con una scelta: cambiare totalmente approccio, affidarmi ciecamente ad un'altra persona. Da "flessibile" a "bro" (anche se questo termine lascia il tempo che trova) diventando paradossalmente più flessibile..ma ve ne parlerò nel prossimo articolo



Ti è piaciuto questo articolo? Dimmi cosa ne pensi!